I volantini si fanno ancora?

Risultati immagini per web
volantini vs internet

E’ una domanda che mi viene posta con ampia frequenza.
Con l’utilizzo massiccio dei social da parte dei consumatori, molte aziende hanno definitivamente eliminato i costi di carta e distribuzione di volantini, brochure e presentazioni cartacee in funzione di campagne completamente digitali che  spesso hanno costi minori ed enorme visibilità.

Proviamo allora a fare un po’ di luce su questo quesito perché l’attrazione del “web senza costi” risulta spesso uno specchietto per allodole quando i risultati non arrivano.

La comunicazione di massa

Un primo importante distinguo è dettato dalla natura dell’azienda. Le necessità sono ovviamente molto diverse e considerano principalmente su quale scala occorre comunicare i propri prodotti e servizi. Una multinazionale che genera offerte a tutto il mondo godrà certamente del vantaggio di potersi proporre facilmente via web usando sito e social. I benefici in termini economici sono molteplici e vanno ben al di la del risparmio sulla carta, ma in generale la stampa non è abbandonata del tutto. I punti vendita godono del contatto diretto con il pubblico, pertanto le informazioni su carta mantengono l’immediatezza se strutturate in modo adeguato.

Ma una grande azienda ha la buona abitudine di considerare nel proprio budget annuale, le spese di pubblicità e propaganda alla stessa stregua degli investimenti in tecnologia, produzione, formazione, ecc.

Molte aziende infatti, hanno al loro interno una struttura preposta alla comunicazione che si occupa esclusivamente di generare visibilità. Diverse sono anche le figure professionali che se ne occupano. Il semplice “grafico” si è evoluto in “web designer” ma non basta. In relazione al tipo di intervento, possono servire competenze molto diverse che spaziano dall’animazione 2D e 3D per video promozioni per tornare a contenuti statici per siti o banner dinamici per AdSense. Insomma, il grafico che creava il volantino e la cartellina con le schede dei prodotti, ha dovuto aggiornarsi e seguire le tendenze che si modificano ad una velocità allucinante.

Tutte queste forme di pubblicità tuttavia, possono avere costi molto elevati. Pertanto se anche sono stati eliminati i costi di stampa e distribuzione, il budget è stato soltanto diversamente orientato.

Risultati immagini per giornali
Voantini o giornali

La comunicazione locale

Ma la stampa non è morta e non morirà tanto presto. Se le grandi aziende hanno operato modifiche importanti alla propria struttura seguendo i canali aggiornati, le piccole aziende che mantengono la propria territorialità, sono tenute a restare almeno in parte fedeli ai metodi tradizionali. A livello locale infatti, si è notata inizialmente la stessa tendenza ad allontanarsi dalla stampa, per accorgersi dopo qualche anno che avere una grande visibilità in mezzo ad un oceano di offerte non aveva molto senso. L’opportunità di proporsi ad un pubblico ristretto come avviene per le inserzioni su Facebook, può giovare infatti quasi esclusivamente a chi opera in centri abitati importanti. Le piccole realtà hanno come risultato infatti di restare con poche visualizzazioni e scarsi o nulli risultati. L’unico vantaggio può essere decidere di allargarsi; ma se non vi è questa volontà, gli sforzi e il denaro speso per gettare un sasso in mezzo al mare non saranno serviti a nulla.

Ecco dunque, che per sfruttare la rete al meglio, occorrono strumenti in grado di valutare attentamente se e quanto investire. Una ricerca mirata ad ottenere gli obbiettivi prefissati deve contenere tutti i parametri in grado di evitare perdite di tempo e denaro.

Per ciò che concerne la scarta stampata, restano valide le alternative del materiale distribuito in modo oculato. Oggi la distribuzione attraverso la consegna in posta non funziona. Nessuno accetta più volantini e giornalini o cataloghi. Gli amministratori dei palazzi hanno disposto cassettine apposite che puntualmente vengono direttamente vuotate nella raccolta carta. Una distribuzione più capillare può essere effettuata direttamente presso i locali che accettano materiale pubblicitario o consegnata presso associazioni, palestre, centri sportivi, ecc.

Altro metodo classico è la promozione sulle testate locali. Anche se il settore risente della crisi (i giornali online prendono sempre più piede) chi ha prodotti dedicati o proponibili ad un target di età elevato (ultra 60enni) può ancora puntare sul quarto di pagina o mezza pagina per avere qualche riscontro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *